tfionline Accedi

Ottobre 6, 2022

Non più prigionieri!

Una testimonianza che va oltre muri di pietra e sbarre di ferro

Maria Fontaine

[Captives No More!]

Un’amica mi ha scritto a proposito di un giovane che è in carcere. Ha appena ricevuto una lettera da lui, dopo un lungo periodo di silenzio. Sembrava disperato e le chiedeva di pregare per lui perché stava lottando per mantenere la propria fede in Dio – e perfino la propria sanità mentale – in una situazione molto difficile.

La mia amica voleva aiutarlo, ma non sapeva cosa dire. Si chiedeva se fossi disposta a scrivergli io. Ho pregato con fervore di potergli esprimere l’amore che Dio ha per lui e incoraggiarlo a non arrendersi.

Ecco la mia lettera, in caso vogliate farla leggere a qualcuno che conoscete e che è in prigione.

* * *

Ciao! Volevo dirti che sono orgogliosa di te per come lotti per mantenere la fede. Ci vuole una quantità enorme di forza per resistere quando uno si sente disperato e depresso ed è circondato da così tanto male e tanto buio. Puoi farti forza ricordando ciò che dice la Bibbia: “Colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo” (1 Giovanni 4,4). Questo significa che se nella tua vita c’è Gesù, Lui è più grande e più forte di qualsiasi persona cattiva o forza spirituale maligna in tutto il mondo.

Tu sei un figlio di Dio. Non importa in che momento hai aperto il tuo cuore a Gesù, Lui ha promesso di stare per sempre con te. Se non lo hai mai ricevuto o non ricordi di averlo fatto, ti suggerisco di fare una semplice preghiera come questa:

Gesù, ho bisogno di te. Non riesco a vedere la strada da seguire; ti prego di aiutarmi. Voglio la tua presenza nella mia vita. Vieni nel mio cuore, perdona le mie colpe e riempimi del tuo Spirito Santo. Amen.

Gesù ha detto: “Ecco, io sto alla porta [del tuo cuore] e busso; se qualcuno ode la mia voce e apre la porta, io entrerò da lui, e cenerò con lui ed egli con me” (Apocalisse 3,20). Ha promesso di entrare nella nostra vita e riempirla della sua gioia e della sua pace e di darci la salvezza eterna, in qualunque circostanza ci troviamo.

Una volta che abbiamo invitato Gesù nella nostra vita. Lui è lì per restarci. Anche se a volte non lo senti, Lui non ti lascerà mai!

(In questa lettera voglio darti alcuni versetti biblici. Non sono sicura se hai una Bibbia con te o, se ce l’hai, forse non sai da dove cominciare a leggerla, così possiamo vedere alcuni versetti qui insieme.)

Gesù ha detto:

“Poiché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna” (Giovanni 3,16).

“Tutti quelli che il Padre mi dà verranno a me; e colui che viene a me, non lo caccerò fuori” (Giovanni 6,37 NR).

“Io do loro la vita eterna e non periranno mai, e nessuno le rapirà dalla mia mano” (Giovanni 10,28).

“Chi ci separerà dall’amore di Cristo? Sarà forse la tribolazione, l’angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Ma, in tutte queste cose, noi siamo più che vincitori, in virtù di colui che ci ha amati. Infatti sono persuaso che né morte, né vita, né angeli, né principati, né cose presenti, né cose future, né potenze, né altezza, né profondità, né alcun’altra creatura potranno separarci dall’amore di Dio che è in Cristo Gesù, nostro Signore” (Romani 8,35.37-39 NR).

“Dio ci ha liberati dal potere delle tenebre e ci ha trasportati nel regno del suo amato Figlio” (1,13 NR)

Non sei da solo in questa terribile lotta. Gesù è con te in ogni momento. La Bibbia dice: “Siate forti e coraggiosi, non temete e non vi spaventate di loro, perché il SIGNORE, il tuo Dio, è colui che cammina con te; egli non ti lascerà e non ti abbandonerà” (Deuteronomio 31,6 NR).

Tu potresti dire: “Non hai idea di come vanno le cose qui dentro. Non sono mai al sicuro! Qui gli uomini rubano, mentono, ti picchiano. A volte pensi che uno sia tuo amico, ma alla fine scopri che ti sta solo ingannando per poterti derubare”.

Hai ragione. Non so com’è lì dove sei. Faccio fatica a immaginare come ti senti, con la tua depressione, la tua disperazione e il senso di abbandono, solitudine e paura. Comunque so che Gesù sa ogni minima cosa che passi. Ti capisce completamente, ancora meglio di come tu possa capire te stesso. Ti ama. Il suo cuore duole nel vederti soffrire e vuole aiutarti. Vuole darti la pace al posto della paura.

Gesù sa cosa vuol dire essere arrestato, rinchiuso e picchiato. Anzi, Gesù sa cosa vuol dire essere condannati a morte. È morto sulla croce, anche se era innocente. L’ha fatto per te, per me, per ogni persona che sia mai vissuta sulla terra. Sai una cosa, però? L’avrebbe fatto anche solo per te. Per Lui sei importante fino a quel punto.

Puoi parlare a Gesù in preghiera, qualunque cosa succeda nella tua vita. Anche se ti sembra tutto sia perduto, puoi parlargli di come ti senti dentro. Puoi affidargli tutti i tuoi pensieri e le tue preoccupazioni, sapendo che gli stai a cuore. Gesù può darti discernimento e parlarti per mezzo della Bibbia o con i suoi sussurri che senti nel cuore e nella mente. Puoi condurre una conversazione con Lui in qualsiasi momento, sapendo che Lui è sempre lì a tua disposizione.

Non devi avere paura nemmeno nella prigione peggiore, quando hai Gesù. Ti proteggerà. Se ne fai una parte importante della tua vita, ti accorgerai della differenza. Puoi superare depressione, risentimento, pensieri suicidi e paura, perfino in prigione.

Quando Gesù ha annunciato la sua missione in questa vita, ha dichiarato di essere venuto a guarire i cuori rotti, a liberare i prigionieri, a soccorrere chi è ferito. Gesù porta libertà nello spirito, che tu sia in prigione o no; è la libertà che ha promesso a tutti quelli che lo ricevono.

“Dov’è lo Spirito del Signore, vi è libertà” (2 Corinzi 3,17).

“Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi. Se dunque il Figlio vi farà liberi, sarete veramente liberi” (Giovanni 8,32.36).

“Io vi lascio la pace, vi do la mia pace; io ve la do, non come la dà il mondo; il vostro cuore non sia turbato e non si spaventi” (Giovanni 14,27).

Ecco altre promesse della Bibbia che puoi rendere parte della tua vita:

“Tu, non temere, perché io sono con te; non ti smarrire, perché io sono il tuo Dio; io ti fortifico, io ti soccorro, io ti sostengo con la destra della mia giustizia” (Isaia 41,10 NR).

“Quand’anche camminassi nella valle dell’ombra della morte, non temerei alcun male, perché tu sei con me” (Salmi 23,4).

“Siate forti e coraggiosi, non temete e non vi spaventate di loro, perché il SIGNORE, il tuo Dio, è colui che cammina con te; egli non ti lascerà e non ti abbandonerà” (Deuteronomio 31,6 NR).

“Dio è per noi un rifugio e una forza, un aiuto sempre pronto nelle avversità” (Salmi 46,1).

Dio ti ama così tanto che nella Bibbia ha fatto tutte queste belle promesse per te. Dovrai lottare per continuare ad avere fiducia in Lui. Dovrai scegliere di credere in Dio invece che al diavolo che ti riempie di bugie, tentando di convincerti a lasciargli occupare la tua mente con la paura. Per quanto possa essere difficile e per quante volte tu debba dirlo a voce alta o nella tue mente: “Io credo in Te, Gesù, e respingo le bugie del diavolo. Mi fido che adempirai le tue promesse”. Se lo farai, so che farà una differenza.

Le promesse di Dio hanno una potenza enorme, se le prendi seriamente. Puoi farlo leggendole e rileggendole, con la fede che Dio stia parlando a te personalmente. Probabilmente finirai per impararne qualcuna a memoria, poi riuscirai a ricordarle, dovunque tu sia e qualunque cosa stia facendo.

A volte ci vuole tempo perché Dio operi, ma Lui fa ogni cosa bene. Usa tutto nella tua vita in modo che alla fine cooperi al tuo bene, se credi in Lui e rispetti i suoi propositi. (Vedi Romani 8,28.)

Non arrenderti! Continua a rivolgerti a Lui, anche con l’ultima briciola di forza che ti rimane. Dovrai avere pazienza – e so che non è facile; e anche di sopportazione – e anche questo è difficile. La Bibbia dice: “Sopporta anche tu le sofferenze, come un buon soldato di Cristo Gesù” (2 Timoteo 2,3 NR). Lui protegge la tua vita con la sua mano; qualsiasi cosa succeda sarà lì e ti aiuterà a superare qualsiasi cosa.

Gesù è un amico più affezionato di un fratello (vedi Proverbi 18,24). Ha promesso di non lasciarti né abbandonarti mai (Ebrei 13,5).

Caro Gesù, questo è un tuo figlio e sta facendo del suo meglio nonostante queste circostanze insopportabili. Ha bisogno di te. Ha bisogno dell’aiuto del tuo Santo Spirito. Ha bisogno di tutto ciò che puoi offrirgli. Ha bisogno della forza, della consolazione e della fede più grande che lo Spirito Santo può fornire quando sembra che le cose non possano andare peggio. Aiutalo a rivolgersi al tuo Spirito Santo, a chiedere l’aiuto di cui ha bisogno. Ha bisogno di forza, di visione, di coraggio e di tante altre cose che gli basta chiedere perché siano sue. (Vedi Luca 11,13.)

È stanco e si sente oppresso dalle tenebre che lo circondano. Ha bisogno di vedere la tua luce. Fa’ qualcosa per dargli speranza, per favore. Supplisci ai suoi bisogni, specialmente il miracolo di una pace soprannaturale.

Aiutalo a sentire la tua protezione. Hai detto che quando preghiamo, se crediamo che riceveremo, avremo le cose di cui abbiamo bisogno. (Vedi Marco 11,24.) Dagli la fede di credere. Il modo per ricevere questa fede è studiare la tua vita nei libri di Matteo, Marco, Luca e Giovanni nella Bibbia e immergersi nella tua Parola e nelle tue promesse. La Bibbia dice che se riposiamo la nostra mente in Te, avremo pace.

Prego che Tu riempia il suo cuore e la sua mente di quella pace che va al di là di ogni nostra comprensione (Filippesi 4,7). Non può semplicemente allontanarsi da questi problemi e queste orribili situazioni, ma può trovare la tua presenza anche in mezzo ad esse. Può decidere nel suo cuore di rivolgere il suo sguardo a Te e rivendicare l’aiuto che gli hai promesso. A volte questo richiederà tutte le sue forze; ci vorranno pazienza e sopportazione, perché le circostanze potrebbero non cambiare visibilmente, ma Tu sarai sempre con lui.

Prego che riesca a sentirsi avvolto e colmato dal tuo amore, che possa avere grazia, pace e pazienza. Prego che cresca nella conoscenza della tua Parola e che trovi soddisfazione e gioia in una vita di fede.

Questa è la mia preghiera per te, amico mio.

Spesso, nelle situazioni peggiori, quando potresti sentirti come se non avessi più niente da dare, Lui può darti una benedizione meravigliosa mettendoti vicino qualcuno che ha bisogno di una fede come la tua. Cercando di aiutare qualcun altro a conoscere Gesù scoprirai che l’amore di Dio diventa più forte e meraviglioso anche nel tuo cuore. Lui ti benedice quando sostieni qualcun altro con l’amore, la consolazione e la speranza a cui ti appoggi. Se non sai cosa dire, forse puoi cominciare condividendo questa lettera.

* * *

Fratelli e sorelle, vi chiedo di pregare per questo giovane, che Dio sostenga il suo spirito e che lui possa trovare la compagnia di cui ha bisogno, così che lui ed altri credenti siano in grado di diffondere insieme la luce di Dio in mezzo al buio.

Ci son molti cristiani che si sono messi sulla cattiva strada e sono finiti in carcere. Dio può dare loro la speranza necessaria ad andare avanti e fare in modo che possano essere una benedizione dietro alle sbarre. Hanno disperatamente bisogno di essere sostenuti in preghiera per essere una luce per gli altri. Pregate con me che questa lettera possa essere diffusa largamente e che tutti quelli che la ricevono la passino ad altri. So che come risultato prigioni intere possono essere raggiunte per Gesù.

Pubblicato originariamente nel maggio 2019.
Adattato e ripubblicato sull’Ancora in inglese il 4 aprile 2022.